Logo stampa
NOTIZIE

Rivoluzione green a Cordenons: parte la riqualificazione energetica di 19 edifici comunali

Un project financing per l’efficientamento energetico di edifici e illuminazione pubblica

Un risparmio di oltre 900 mila euro in 15 anni, oltre a una riduzione del 15% di dispendio energetico per tutti e 19 gli edifici di proprietà del comune di Cordenons, fra energia elettrica e termica, e il risparmio del 49% di elettricità grazie alla riqualificazione degli oltre 3.420 punti luce presenti nel Comune. Sono questi i numeri più rilevanti del piano di riqualificazione energetica per cui le società Ase (AcegasApsAmga Servizi Energetici) e Hera Luce si sono aggiudicate la gara indetta dal comune di Cordenons, nato dopo l’approvazione del project financing presentato all’amministrazione dalle aziende stesse.

Il piano prevede la gestione di 19 edifici comunali tra i quali spiccano, oltre al Municipio, 6 istituti scolastici e 5 strutture sportive. Oltre alla manutenzione e gestione energetica di tali edifici per 15 anni, il progetto prevede più di 50 interventi di riqualificazione energetica in quasi tutti gli edifici coinvolti e la sostituzione di oltre 3.420 lampioni attualmente dotati di luci obsolete a mercurio e sodio, con tecnologia di ultima generazione luminosa a led.

Un risparmio assicurato per il Comune e i cittadini

Nonostante i numerosi interventi indicati, il canone annuo proposto per la gestione dei servizi energetici del Comune è inferiore all’attuale spesa annua dell’Amministrazione. Tali interventi non saranno infatti a carico del Comune, e quindi della comunità, ma saranno interamente sostenuti da Ase e Hera Luce. Le società infatti ammortizzeranno i costi nel corso degli anni del contratto di appalto grazie al risparmio derivato dagli interventi stessi. Non solo quindi il Comune risparmierà, ma il progetto lascerà in eredità alla città un sistema energetico più efficiente, economico ed ecologico.

Il risparmio previsto è calcolabile sui 60mila euro l'anno, oltre 900mila euro sui 15 anni dell'intera durata della concessione, prevista per 15 anni.

Risparmio energetico del 15%: evitata all’atmosfera l’emissione di oltre 1.220 tonnellate di CO2

Gli interventi di riqualificazione energetica si possono dividere in due tipologie: termici ed elettrici.

Per un miglioramento dell’efficienza energetica in ambito termico si procederà con l’introduzione di tecnologie moderne e innovative nel campo della generazione e conservazione del calore, come generatori di calore di ultima generazione a condensazione, ovvero caldaie con il miglior rendimento disponibili sul mercato, in grado di regolare la potenza in base alla necessità dell’edificio del momento.

Sono previsti anche investimenti per rendere più efficiente la gestione stessa degli impianti permettendo indirettamente la riduzione dell’energia utilizzata: sul 60% degli impianti, per esempio, verranno installati elementi di controllo della temperatura per singolo ambiente, che evitano squilibri termici dovuti alle diverse esposizioni delle singole zone. Allo stesso modo l’installazione di un sistema di telecontrollo permetterà di ottimizzare gli orari di funzionamento e migliorare il rendimento dell’impianto.

In ambito elettrico, la riqualificazione coinvolgerà sia gli impianti interni degli edifici sia quelli della pubblica illuminazione. Nel primo caso si prevede la sostituzione di circa 1.800 apparecchi con illuminazione a led in 12 edifici, tra cui il Municipio e gli edifici scolastici, permettendo di ridurre i consumi annui fino al 49% rispetto ai precedenti impianti. Nel secondo caso invece, circa 3.420 tra lampioni e semafori evolveranno dall’obsoleta e inquinante tecnologia a mercurio e sodio all’innovativa illuminazione a led che garantisce un’efficienza luminosa anche superiore, con consumi più ridotti.

L’insieme di tutti gli interventi presenti potrebbe evitare all’atmosfera oltre 1.220 tonnellate di CO2 ogni anno, migliorando la qualità dell’aria, senza contare che i risparmi continueranno anche dopo il termine della concessione.

I risparmi e le efficienze prodotte

Il progetto consentirà un balzo di notevolissima portata nella sostenibilità degli edifici pubblici cittadini e della pubblica illuminazione, con risparmi fino al 15% negli edifici e del 49% per l’illuminazione. Il paternariato tra l’amministrazione comunale di Cordenons e le società del Gruppo Hera, infatti, rappresenta un concreto contributo al raggiungimento degli obiettivi di sostenibilità fissato dall’Onu per il 2030, in linea con le politiche promosse dal Green Deal europeo. Grazie alla collaborazione con Ase e Hera Luce, Cordenons implementa così un modello innovativo proiettato alla sostenibilità e allo sviluppo tecnologico, affacciandosi verso un futuro più efficiente, sicuro e confortevole.

 

Dott. Tomaso Tommasi di Vignano, Presidente di AcegasApsAmga: “Con la firma di questo contratto diamo inizio a un importante progetto di riqualificazione per gli edifici e per l’illuminazione pubblica di Cordenons. Questo progetto mette in campo tutto il know-how del Gruppo Hera, grazie all’adozione di soluzioni innovative per restituire a un'Amministrazione lungimirante e ai suoi cittadini servizi più sostenibili ed efficienti. Questa iniziativa mostra l'importanza di investire su tecnologie smart che puntano all'efficienza in un'ottica di miglioramento continuo e a lungo termine, anche nella prospettiva di promuovere l'economia circolare, tema sempre al centro della mission aziendale".

Andrea Delle Vedove, sindaco del Comune di Cordenons : “Questi lavori si inseriscono in un più ampio ambito di interventi che la nostra amministrazione sta programmando per affrontare in maniera efficace il tema dell’efficienza energetica per garantire ai cittadini un futuro sostenibile. Il lavoro serio di questi anni e questi interventi, insieme alla consegna alla Città di tutta una serie di infrastrutture ristrutturate, completate, in corso di lavori o in fase progettuale sono il risultato di un serio e articolato lavoro che non si può risolvere sempre nell’arco di un mandato, ma stanno a testimoniare il nostro impegno con uno sguardo proiettato verso il futuro.